Quante sono le modalità di acquisizione dell’auto? Scopriamole insieme!

Benvenuto in #SagamTiGuida

Le opzioni sono ormai diverse e, non sempre, è facile orientarsi nella scelta.

La quarta uscita della nostra rubrica vi porterà alla scoperta della quarta modalità individuata di acquisizione di un'auto: il LEASING.

Scegliere la modalità del leasing significa optare per un prodotto finanziario che consente di usufruire di un veicolo sostenendo un canone mensile che corrisponde al pagamento rateizzato dell'auto. L'obiettivo finale di questa soluzione è proprio il riscatto del bene. 

A differenze delle modalità precedentemente discusse in questa rubrica, con la soluzione del leasing la proprietà dei veicolo non è in capo all'acquirente ma alla società finanziaria con la quale si stipula il prodotto finanziario. 

Al momento della consegna del veicolo, il soggetto è tenuto a versare, come anticipo, dal 10 al 40% del valore dell’auto, e successivamente verrà stabilita la rata mensile che dipende dal valore del veicolo e dal riscatto finale. Il canone fisso mensile, in questo caso, dipende dalla quota capitale e dalla quota interessi, a differenza della soluzione noleggio lungo termine che vedremo nella prossima uscita. 

Al termine del contratto ecco che si presenta la rata finale, la quale corrisponde al riscatto del veicolo, che può variare da un 5 ad un 25% dell'importo del veicolo.

Alla soluzione del Leasing sarà possibile aggiungere a pagamento alcuni servizi come l’estensione di garanzia, i piani di manutenzione e i servizi assicurativi.

Dopo aver descritto nel dettaglio tutte le caratteristiche del prodotto finanziario protagonista del presente articolo, è necessario individuarne vantaggi e svantaggi:

  • Tra i primi, sicuramente, la flessibilità sulla durata del contratto, la rata iniziale, la quota di anticipo,  il canone e infine la rata finale. Inoltre è interessante considerare come vantaggio il fatto che il mezzo resta di proprietà della società di leasing fino al riscatto e per tale motivo non deve essere indicato in bilancio come immobilizzazione nel caso il leasing venga stipulato da una società.  
  • Il principale svantaggio è, invece, a livello amministrativo, in quanto vanno conteggiati gli oneri di apertura, gestione e chiusura del leasing, e per questo motivo è necessario porre attenzione alla reale entità dei tassi d'interesse (TAN e TAEG).

Analizzati anche vantaggi e svantaggi non ci resta individuare il target al quale è consigliabile un'operazione del genere: sicuramente aziende e liberi professionisti che hanno interesse nel riscattare la vettura al termine del leasing.

Clicca qui per scoprire tutte le formule di acquisizione di un'auto!